Alimentazione in gravidanza: quali cibi scegliere?

Durante la gravidanza ogni donna deve nutrirsi nel modo corretto, in modo da mantenere se stessa in salute e consentire ai tessuti fetali di formarsi e svilupparsi nella maniera migliore. L’alimentazione corretta rappresenta uno dei presupposti fondamentali per la normale evoluzione della gravidanza e il normale accrescimento del feto: quantità e qualità del cibo e delle bevande devono essere controllate in maniera scrupolosa. E’ quindi opportuno prestare attenzione all’alimentazione della futura mamma, già a partire dal periodo pre-concezionale, cioè prima del concepimento, fino a tutto il periodo in cui il bambino verrà allattato al seno.

In generale, una donna incinta dovrebbe assumere tra le 1.800 alle 2.600 calorie al giorno, distribuite in modo equilibrato. Non deve letteralmente mangiare per due, ma deve variare molto la sua dieta, assicurando un apporto di tutti i nutrienti necessari per sé e per la crescita del bambino: vitamine, proteine e sali minerali soprattutto. L’aumento di peso ottimale, dovrebbe essere tra gli 11 e i 12 chili ma in presenza di una gravidanza gemellare, l’aumento di peso al nono mese dovrebbe stare tra i 16 e i 20 chili.

 

Alimenti consigliati in gravidanza

In gravidanza è molto importante una dieta equilibrata che deve integrare al suo interno: ferro, perché chi è in gravidanza è a rischio anemia. Oltre alla carne rossa, che deve essere sempre ben cotta, bisogna consumare uova, frutta secca, cioccolato.

Vitamine

Le  vitamine sono essenziali durante il periodo di gestazione in modo tale da prevenire malformazioni come la spina bifida.

Vitamina D: è una vitamina fondamentale per la costruzione di uno scheletro solido, poichè consente l’assorbimento del calcio tramite l’intestino e quindi il passaggio alle cellule ossee. Inoltre l’organismo è in grado di sviluppare la vitamina D se si vive in un clima caldo e soleggiato. E’ importante consumare alimenti quali: latte, burro, tuorlo, pesce cotto, olio di fegato di merluzzo.

Vitamina C: aiuta a lottare contro l’affaticamento, aumenta la resistenza alle infezioni e favorisce inoltre l’assorbimento di ferro tramite l’intestino. Gli alimenti da consumare: frutta fresca come kiwi, mandarini, pompelmi, limoni e arance (2 arance al giorno bastano a ricoprire il fabbisogno giornaliero).

Vitamina A: contribuisce allo sviluppo del feto e in particolar modo alla struttura dentale, alla formazione dei capelli e delle unghie. Bisogna però prestare attenzione al consumo di questa vitamina poiché, se consumata in eccesso può provocare gravi danni al bambino. Per questo motivo non bisogna mai prendere integratori di vitamina A o di provitamina A (tipo betacarotene).

Add a Comment